Pillole Di Vita: quel pensiero fisso

Ci siamo amici, torno anche questa settimana con la rubrica Pillole di Vita, oggi voglio parlarvi ddi un argomento che mi sta particolarmente a cuore:

Il pensiero.

buddismo-

Quando avevo iniziato l’università stavo attraversando un periodo molto oscuro, cercavo quella libertà di cui avevo bisogno. Il poter semplicemente respirare aria fresca, il non dover dipendere da nessuno. Lo volevo, ma non ci credevo.

Ogni mattina mi svegliavo con un pensiero fisso: anche oggi non ce la farò.

Tutto si macchiava di nero, un Re Mida dell’avvizzimento. Avevo il potere di opacizzare tutto quello che brillava nella mia vita quotidiana.

Quel pensiero mi stava fagocitando

Ormai il ‘non ce la farò’ era diventato quasi un mantra per me. Finché un giorno una mia carissima amica non mi rispose più al telefono. Scoprii poi che stava vivendo una situazione peggiore della mia, un vero dramma, e che per un periodo si sarebbe allontanata da casa.

Solo io sapevo l’indirizzo della sua nuova casa, solo io potevo andare a trovarla.

Il suo pensiero

Non era poi così diverso dal mio, continuava a ripetersi quanto la vita fosse dura, quanto le tenebre avessero preso il sopravvento.

Ebbi paura, perché sentivo l’ombra che l’abbracciava iniziare a strisciare verso di me e scivolarmi dentro.

Stavo settando la mia mente verso qualcosa di nocivo e… distruttivo:

Il pensiero negativo.

Tutto aveva perso senso. Io adoro fermarmi e bagnarmi della luce del tramonto. Adoro respirare le ore più calme della giornata. Mi sento vivo davanti lo sbocciare di un fiore.

Queste cose avevano perso la loro magia. Io avevo perso la mia magia.

Lottai per lei (lottai per me)

Lottai per tirarla fuori dalla sua situazione. Le feci, un passo per volta, riscoprire la magia del mondo, il semplice piacere che si può trarre dal sedersi in veranda e sorseggiare un caffè, mentre all’esterno la vita scorre incurante di noi.

Con lei compresi l’importanza del saper ricucire le ferite, o semplicemente lasciarle sanguinare, prima o poi si rimargineranno.

Un giorno sorrise.

E fu uno tra i sorrisi più belli che ricordo tutt’ora.

Mi accorsi che, lottando per lei, stavo lottando anche per me. Mi ero tirato fuori da quei pensieri che ormai erano diventati un groviglio gonfio di veleno. Un mostro dentro di me.

Sorrisi anche io, con lei. E quel momento lo custodisco nel mio cuore.

La vita cambiò, il pensiero mutò.

Cominciai a svegliarmi pensando a quanto fossi fortunato, alla bellezza che mi circondava. Iniziai a soffermarmi sulle piccole cose che prima non vedevo e, credetemi, avevano una magia enorme, una luce accecante.

La mia vita iniziò a cambiare, non prima però che il mio modo di pensare e di vedere mutasse.

Ero grato, anche della forza che scoprii dentro di me. Ogni cosa andava vissuta, ma con la giusta forza e il giusto modo di pensare e agire.

Poco dopo questo cambiamento trovai finalmente un nuovo lavoro e potei mantenermi gli studi. Conobbi gente meravigliosa e… il narciso XD

Iniziai a crescere e a forgiarmi.

La lezione

Sono passati quindici anni da quel momento, la mia amica è riuscita a realizzare il suo sogno più grande, ora è una splendida mamma, ma la vita ci ha allontanati. So però che è felice e questo mi basta. Anzi, chissà se magari arriverà il momento di rivederci e ridere di nuovo insieme.

Io sono qui, a scrivere il mio blog, ho un sorriso luminoso dipinto sul volto, perché capisco sempre di più che ogni momento diffide che ci si presenta davanti è solo una sfida che dobbiamo affrontare con… il pensiero giusto.

Se si è ottimisti la vita cambia e ci dona tutto ciò che vogliamo. Dobbiamo volerlo, dobbiamo crederci.

Continuo a pensare positivo, non nego che in alcuni periodi ritorno a essere fagocitato dalle paure ma, citando a modo mio il Buddismo di Nichiren, appena me ne accorgo salto sul mondo giusto per ritrovare la mia pace.

G.

3 risposte a "Pillole Di Vita: quel pensiero fisso"

Add yours

  1. Questo articolo è arrivato proprio nel momento del bisogno. Sto affrontando un periodo un po’ no della mia vita, e per quanto io possa provare ad essere positiva, credo non sia nella mia indole. Quando qualcosa non va come avevi premeditato mi pare di sentirmi inutile, sfaticata, nullafacente. Sono solo al primo anno di università, di strada ce n’è ancora molta e ne sono consapevole, ma non ho mai affrontato un muro in faccia come sto vivendo in questo momento. Sembra che tutti gli sforzi siano vani. A me piace il percorso che ho intrapreso, non mi sento di appartenere ad altri, ma nello stesso tempo mi è balzata l’idea di mollare perché non sopporto non riuscire a superare le difficoltà. Vorrei evitare di trovarmi ancora e ancora in un limbo di incertezze che non fanno altro che svilirmi. Spero di riuscire ad arrivare alla tua consapevolezza di positività, perché dubito che con la mia ostinata negatività io possa andare avanti

    Piace a 1 persona

    1. Ciao Elena, grazie mille per il commento, e sono felice ti sia piaciuto il mio articolo. Se posso dirti la mia, proprio come se stessi parlando con un amico di vecchia data, stai partendo già col piede sbagliato. Le difficoltà vanno sempre affrontate. Al posto di sentirti inutile, credimi, spesso mi ci sento anche io, prova a capire invece cosa puoi fare. Non bisogna per forza essere sempre forti e superare ogni muro, a volte bisogna anche prendere coscienza di quella cosa che è più grande di noi e affrontarla semplicemente con un sorriso, aiuta molto. Tu e solo tu sai quale è il tuo percorso e la strada che devi percorrere. Io ho ascoltato per troppe volte gli altri, e ho finito con il prendere scelte sbagliate, però sai, non le rimpiango, perché mi hanno fatto capire cosa non voglio.
      Riguardo la positività, penso che sia insito in tutti noi dare più peso a ciò che ci fa star male e che ci preoccupa piuttosto che le cose belle. Io stesso ho sempre pensato in negativo ‘non posso farcela’, ‘non sono all’altezza’. Con tanto esercizio ho iniziato a pensare e a credere ‘posso farcela’, ‘sono all’altezza’. Vai avanti, sempre, non fermarti mai.
      PS: ci credi che ora che ho 34 anni ho deciso di riprendere l’università e frequentare la facoltà che ho sempre voluto frequentare? :p La vita è una, giusto? Tanto vale viverla, no? 😉
      Grazie ancora per il tuo commento!

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: