#VitaDaScrittori: la scelta

Impulsivo.

Io lo so, sono una persona troppo impulsiva. In passato, spesso, ho preso decisioni senza ponderarle per bene, e mi sono trovato in alcuni casi a rimpiangere le scelte appena fatte.

Col tempo però ho imparato a essere più metodico.

scrittori-giacomo-ferraiuolo

Accade sempre qualcosa che mi entra dentro come una freccia avvelenata, che infetta il mio stato mentale e tutte le mie convinzioni. Risveglia quel Giacomo dormiente che cerca sempre di venir fuori, e comincia a parlarmi in ogni momento di quiete.

Io inizio a far un gran baccano dentro di me, cercando di metterlo a tacere, ma lui torna, sempre più forte.

Luna.

Uno di questi ultimi sabato sera, causa una piccola discussione, mi sono trovato a passeggiare da solo per Firenze, sarebbe stato l’ultimo week end tra quelle strade, quei profumi, prima della pausa estiva. Alzo lo sguardo al cielo e la Luna brillava maestosa.

Inizia a parlarmi anche lei. La ascolto. Ha ragione in tutto quello che mi dice. Che non è nient’altro che ciò che ho cercato di ripetermi nell’ultimo periodo.

giacomo-ferraiuolo-luna
La Luna che mi ha parlato

In continua evoluzione.

Mi è già successo più di un anno fa, avevo preso una decisione, ho scritto il mio nuovo romanzo seguito da un’agenzia letteraria. Sono cresciuto.

Avevo anche scelto di conoscere nuove realtà, per vivere a pieno quest’avventura. Ho incontrato autori, editori, editor. Ognuno di loro mi ha insegnato qualcosa, mi ha aperto gli occhi e mi ha fatto crescere.

Quest’estate ho scritto veramente tanto, spero di potervi far leggere tutto il prima possibile, anche perché sto fremendo!

Ho da poco iniziato un nuovo progetto che vorrei terminare a inizio a autunno, per poi scrivere la Storia.

La chiamo così perché il solo pensiero di scrivere questo romanzo mi causa ansia da prestazione; lo vedo come un qualcosa più grande di me, una sorta di prova contro me stesso.

Se posso scrivere questa storia che ho in mente, allora posso scrivere tutto.

Ho scelto.

Ho scelto di farlo subito. Di tentare. Ho un piano che mi sono buttato giù, mentalmente, per tutto l’anno prossimo. Un piccolo cambiamento lavorativo, ruberò qualche ora alla scrittura, lo so, ma so che il tempo che rimarrà lo sfrutterò al massimo, senza distrazioni.

In genere quando scrivo un romanzo mi prefisso delle date molto vicine per terminare la prima stesura, con questo mi sono dato tempo massimo un anno. Studierò, chiederò, scriverò, cancellerò (due, tre, quattro volte XD) e tornerò a scrivere di nuovo.

Adoro le sfide con me stesso.

Competizione.

Io sono in una continua competizione, con me. Quando ho davanti un muro che mi sembra impossibile da oltrepassare, è proprio lì che si risveglia dal torpore quel Giacomo che tengo nascosto, e faccio di tutto per buttar giù quell’ostacolo.

Più di un autore mi ha chiesto se fossi in competizione con qualcuno.

La risposta è no. Lo sono solo con me. Gli obiettivi che mi sono prefissato sono miei. Non guardo gli altri con invidia (Dio, che cosa odiosa!), ma con ammirazione, come cerco di fare con me.

Mi piace specchiarmi e dirmi: Gia’, hai raggiunto il tuo obiettivo. Ora forza col prossimo.

Step by Step.

Perché è così che si fa, no? Passo dopo passo. Una meta alla volta.

Che ne dite di raccontarmi una vostra scelta?

Io spero di potervi raccontare presto la mia!

Vado a godermi il mare, il mio mare, che finalmente ho riabbracciato.

116706151_583038759040664_5393835605804151449_n
Il mio mare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: