#VitaDaScrittori: la seconda stesura

Per riassumere in una sola frase la seconda stesura:

È il momento in cui capisci che gran parte di ciò che hai scritto è da buttar via.

Eh sì, magari ci hai passato sopra mesi interi, notti indossi e cibo in scatola, per non perdere la concentrazione, per dedicare ogni attimo libero a scrivere giù la storia che ti grida dentro, per poi accorgerti che è quasi tutto da cestinare.

L’anno scorso ho seguito un percorso di crescita insieme a un agente, un angelo, mi ha fatto capire tante cose di me, e penso che sia riuscito a tirar fuori la storia più matura tra tutte quelle che ho scritto sino ad ora.

giacomo-ferraiolo

Ho seguito pari passo i suoi insegnamenti e ne ho fatto tesoro.

Giungo all’ultimo capitolo del romanzo, ma qualcosa non andava. C’era qualcosa di sbagliato.

Era lei… un personaggio secondario che ogni notte veniva a bussare alla porta dei miei sogni, un po’ come nel romanzo che stavo scrivendo, e io rimanevo pietrificato quando la vedevo apparire.

Era lei… gridava con la sua voce rauca che voleva più spazio, che lei meritava più spazio nella storia.

La telefonata.

Allora che faccio, mi fermo dalla scrittura, lascio passare qualche giorno, poi  apro il file e lo rileggo dall’inizio alla fine e… aveva ragione lei!

Era lei il personaggio più terrificante e complesso tanto quanto i protagonisti.

Chiamo l’agente ed esordisco con un: ti fidi di me?

Ovviamente la risposta è stata no! XD

Al che ho spiegato per bene cosa avevo intenzione di fare sul testo e lui mi da tempo un mese… un mese per riscrivere quasi tutta la storia. Sapete perché mi ha concesso così poco tempo, perché aveva sentito che la stavo gridando, che avevo la necessità di scriverla.

A lavoro!

Creo un altro file e mi lancio, salvo il salvabile del romanzo originale e butto giù la storia che quel personaggio voleva raccontassi. Ovviamente più ci addentravamo nel secondo atto della storia e più la sua presenza diventava ingombrante al punto che ho dovuto modificare molte altre cose che non avevo previsto.

Il terzo atto l’ho riscritto dall’inizio e… quando ho riletto tutto il romanzo sapete cosa ho detto?

Eccolo, è lui.

È la storia che volevo raccontare.

Break The Rules.

Ogni tanto infrangere le regole e la sacra-scaletta fa bene.

Non posso dirvi null’altro sulla storia, ma sicuramente ve ne parlerò di nuovo, visto che ha trovato casa presso un editore che stimo molto e che vedrà la luce se non entro il 2020, di certo a inizio 2021.

La seconda stesura serve. Ripensandoci, anche per Nora ho avuto una seconda stesura, il romanzo originale non aveva quasi per nulla la figura del Dott. Marconi, ma anche lui aveva bisogno del suo spazio per dare più aria alla storia e riempirla di quei particolari che l’hanno resa vincente.

Voi che rapporto avete con la seconda stesura?

Vi è mai capitato di dover riscrivere un romanzo una volta che era quasi terminato?

Sono curioso XD

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: